16Giu

Le calzature svolgono un ruolo fondamentale nell’arsenale di un ciclista. Influenza in modo significativo le sensazioni che si provano durante la pedalata. Dal gesto iniziale quando regoli le scarpe per adattarle ai tuoi piedi, a quanto sono comodi e come si comportano, nel momento in cui li rilasci e li rimuovi, tutto contribuisce a convincerti che hai fatto la scelta giusta con la #Rodda. Un modello concepito per ciclisti tenaci che non vogliono tecnicismi importanti;per gli sportivi il cui obiettivo principale è semplicemente godersi la guida su strada.

Semplice e privo di meccanismi, contenente solo i tre classici cinturini in velcro, le cui dimensioni e la cui posizione sono state accuratamente ottimizzate, con una cinghia in velcro nascosta sotto la tomaia per adattarsi a tutti i tipi di collo del piede, indipendentemente da quanto in alto. La loro superficie superiore in mesh e il sistema DSS (Drilling Shell System) nella parte anteriore garantiscono una perfetta ventilazione. La combinazione della loro forma studiata e la rigidità della suola in nylon. Tutto ciò aiuta a garantire che RODDA abbia grandi caratteristiche e sia molto confortevole; scarpe che ti faranno venire voglia di estendere le tue gite in bicicletta.

24Apr

Da ZEROLIMITS continua la rottamazione Garmin!  Garmin offre la possibilità di acquistare il ciclo computer GPS Edge 820 al prezzo speciale di 259€ invece di 399€, consegnando il tuo vecchio bike computer presso un punto vendita aderente. Una vera e propria rottamazione per iniziare in maniera perfetta la nuova stagione sportiva.

22Nov

BKOOL, il primo ciclosimulatore con Realtà Virtuale!

BKOOL, è un rullo che vanta l’ultima tecnologia in biomeccanica, e un simulatore con il software più avanzato. È il rullo che ha creato un nuovo concetto di ciclismo indoor.
Il rullo è di altissima qualità, grazie alla sua avanzata tecnologia e al suo design. Sia l’hardware sia il software passano rigorosi controlli di qualità. Ogni rullo è calibrato singolarmente.
Puoi usare il rullo e accedere a molte funzionalità online senza limiti e gratuitamente. Tutto questo è sufficiente per il tuo allenamento. L’abbonamento Premium ti garantisce l’accesso alle funzionalità più avanzate (video illimitati, sessioni con fino a 100 amici contemporaneamente, ecc.).

Il rullo Bkool s’integra a un simulatore con un software avanzato. Con questo potrai, per esempio, scegliere più di 500.000 percorsi o centinaia di video, e allenarti con i tuoi amici da casa.

Bkool ha sviluppato una tecnologia esclusiva, unica al mondo. Il 3D viene creato istantaneamente nel momento in cui pedali, a differenza di altri che sono registrati e possiedono scenari limitati. Puoi realizzare i tuoi percorsi in qualsiasi luogo del pianeta, questi rispecchieranno la realtà del terreno. Puoi percorrere questi itinerari con i tuoi amici, non importa in quale parte del mondo si trovino: ognuno prenderà la forma di un avatar per entrare nel mondo virtuale del 3D World.

Il simulatore di ciclismo di Bkool diventa l’unico a disporre di giochi in velodromo, offrendo ai suoi utenti la possibilità di ottenere il massimo dal suo velodromo virtuale, con prove individuali e di squadra.
Questa caratteristica esclusiva è composta da un totale di tre giochi completamente nuovi, basati su prove reali che sono state adattate al velodromo virtuale.
Inseguimento individuale, inseguimento a squadre ed eliminazione sono le 3 gare in velodromo con cui BKool inizia questa stagione.
Ognuna ha una meccanica e regole differenti, ma tutte hanno come fattore comune le sensazioni di emozione, di velocità e di adrenalina.
Ogni prova è stata creata affinché l’utente possa tuffarsi nel mondo della competizione reale e vivere un’esperienza unica.

 

BKOOL è tutto questo e molto di più!

Ti aspettiamo Venerdi 24 Novembre 2017  da Zerolimits dalle 11 alle 13 e dalle 16,30 alle 19,30 per effettuare una prova sui rulli BKOOL!

BKOOL, BE RIDE!!!!

21Nov

In anteprima la Corsa Rosa 2018 che arriverà a Roma. Tra le salite Etna, Zoncolan e Colle delle Finestre

A poco più di un mese dalla presentazione ufficiale, proviamo ad anticipare il percorso del Giro d’Italia 2018. Già è sicura una novità assoluta: per la prima volta la Corsa Rosa (che nella sua storia ha già visto 12 partenze dall’estero) prenderà il via da un Paese extraeuropeo, addirittura da Israele, dove sono in programma le prime 3 tappe, dal 4 al 6 maggio, la prima delle quali una cronometro a Gerusalemme. Sarà l’occasione anche per ricordare Gino Bartali, dal 2013 «Giusto fra le Nazioni», che contribuì come staffetta in bicicletta a salvare decine di ebrei perseguitati dal nazifascismo.

Il 7 maggio, nel 1º giorno di riposo, la carovana rosa da Israele volerà in Sicilia per altre 3 tappe: Catania-Caltagirone con un arrivo vicino alla famosa scalinata di S. Maria del Monte; Agrigento-Santa Ninfa, nella Valle del Belice, per ricordare i 50 anni dal terribile terremoto del 1968; Caltanisetta-Etna con scalata al vulcano che esaltò in passato Bitossi e Contador, ma dal meno consueto versante sudoccidentale, primo arrivo in salita. Si risalirà quindi la Penisola con due giornate calabresi e conclusione dell’8ª tappa sullo strappo di Montevergine di Mercogliano, dove vinsero Zuelle, Cunego e Di Luca. Il giorno dopo ancora salita per arrivare a Campo Imperatore, sul Gran Sasso, 19 anni dopo la vittoria di Marco Pantani nel Giro 1999.

Seguiranno una partenza nella zona di Rigopiano (Farindola?), in memoria delle vittime della terribile valanga dello scorso gennaio, e una tappa da Filottrano, in ricordo di Michele Scarponi, per raggiungere alla fine della penultima settimana le Alpi Orientali. Qui spicca il temutissimo Monte Zoncolan, il Kaiser della Carnia, scalato dal versante di Ovaro e preceduto da altre 4 salite per un totale di oltre 4 mila metri di dislivello. Suggestive anche le tappe che precedono e seguono quella dello Zoncolan, disegnate per ricordare i 100 anni dalla fine della Grande Guerra. Un tema che caratterizzerà anche la cronometro Trento-Rovereto di martedì 16 maggio, con arrivo vicino alla Campana dei Caduti.

Nella settimana conclusiva il Giro farà infine rotta verso le Alpi Occidentali, con la 18ª tappa Milano-Prato Nevoso, salita nel Cuneese dove vinsero Tonkov, Garzelli e Gerrans. Molto intrigante poi la Reggia di Venaria-Jafferau, che prima del traguardo in quota sopra Bardonecchia proporrà una scalata nelle Valli di Lanzo (Col del Lys?), il meraviglioso Colle delle Finestre (in parte su sterrato) e il Sestriere.

Sabato 26 maggio ancora montagne con partenza da Susa o Ulzio verso la Valle d’Aosta per affrontare il Monte Tzecore (sopra Verres), il St.Pantaléon e la Valtournanche fino a Cervinia (di Aru nel 2015 l’ultimo trionfo). Da lassù in quello stesso pomeriggio il Giro raggiungerà l’aeroporto torinese di Caselle e volerà a Roma per l’ultima passerella, forse a cronometro (per cercare di convincere Froome) lungo Fori Imperiali e Vaticano, epilogo di un lungo ideale abbraccio tra Gerusalemme, la Città Santa, e la culla del Cattolicesimo.

Fonte La Stampa

16Nov

Legambiente ha calcolato il Pib (Prodotto interno bici) delle regioni italiane, un valore stimato in termini di fatturato del settore e risparmi di spese sanitarie, infrastrutturali e ambientali. Il Pib pro-capite più alto in Emilia-Romagna, Trentino Alto Adige, Veneto e Friuli. In forte ritardo Lazio, Sicilia e Calabria.

“Il Pil comprende anche l’inquinamento dell’aria, la pubblicità per le sigarette e le ambulanze per sgomberare le nostre autostrade dalle carneficine del fine settimana…Non tiene conto della salute delle nostre famiglie, della qualità della loro educazione o della gioia dei loro momenti di svago”. 

E’ il 18 marzo del 1968 e Bob Kennedy, nel pieno della campagna elettorale e pochi giorni prima dell’attentato di Los Angeles che gli spezzerà la vita, si lancia in un’appassionante intemerata contro il Prodotto interno lordo.

Un discorso visionario che decenni dopo ispirerà Barack Obama alla ricerca del “Pil della felicità”. E che, fatte le dovute proporzioni (ci perdonino cotanti precursori), sembra rivivere nel Pib, il “Prodotto interno bici“, ovvero il valore economico della bicicletta misurato per la prima volta in Italia anche con la “distinta” territoriale. Oltre 4 miliardi di euro complessivi all’anno (per l’esattezza 4,156 miliardi), stimati attraverso dieci parametri relativi alla mobilità urbana nelle varie regioni: il mercato bici, componentistica, accessori, riparazioni (1,161 miliardi); i benefici sanitari legati ad attività fisica e conseguente riduzione sedentarietà (1,054 miliardi); i benefici sociali e sanitari per i bambini (960 milioni); i benefici derivanti dalla riduzione dell’assenteismo sui luoghi di lavoro (193,180 milioni); la riduzione dei costi ambientali dei gas serra (94,390 milioni); la riduzione dei costi sociali dei gas serra (428 milioni); il miglioramento della qualità dell’aria (18,266 milioni); il contenimento dei danni sanitari causati dal rumore (12,840 milioni); il risparmio di carburante (127, 309 milioni); il contenimento costi delle infrastrutture e dell'”artificializzazione” del territorio. (fonte http://www.repubblica.it/)

15Nov

Kyklos in greco significa “cerchio – ruota – giro”.

Sei lettere che racchiudono l’idea che ha ispirato questo nuovo marchio: realizzare una bicicletta dalle prestazioni elevate e con uno stile tipicamente italiano.

Materiali e tecnologie Le migliori fibre in carbonio Toray T800 e T700 unidirezionale (Ud) – il materiale più forte e performante disponibile oggi sul mercato – le resinedi nuova generazione più adatte per la costruzione di telai racing, la miglior tecnologia per la realizzazione di tubazioni e monoscocche, la tecnica dell’incollaggio a giunzione, il design italiano: tutto questo è racchiuso nelle bici Kyklosspecialissime che  hanno un DNA unico, innovativo, vincente.

Al triangolo principale – tutto full carbon – è stato applicato il monoscocca in modo da avere un rinforzo nelle zone più sollecitate come, per esempio, nella parte delmovimento centrale e nella parte della serie sterzo.

Con l’incollaggio a giunzionela parte posteriore del carro, sempre in monoscocca, viene assemblata con il triangolo principale.

Caratteristiche Triangolo principale, carro posteriore, inclinazione della forcella e del piantone, solidità nella zona del movimento centrale e nella zona del tubo sterzo: un insieme di elementi concepiti per soddisfare gli atleti e i ciclisti più esigenti.

Creare un insieme armonioso tra mezzo meccanico e atleta: tutto è studiato per avere una bici compatta e il più possibile scorrevole ad ogni velocità su qualsiasi tipo di terreno.

I ferma guaine specifici e il supporto batteria offrono un’interfaccia perfetta per tutti i sistemi di trasmissione elettronica in commercio senza necessità di fascette o nastri adesivi aggiuntivi: la soluzione più lineare per l’integrazione della trasmissione elettronica di Kyklos.

La forma aerodinamica, il carbonio Toray, gli accessori in lega che permettono la regolazione con una precisione millimetrica, conferiscono al reggisella un peso leggero. Esso è progettato e realizzato per resistere alle massime sollecitazioni anche nelle competizioni più difficoltose. A questo si associa la massima comodità per l’uso quotidiano, per percorsi di qualsiasi difficoltà e nelle più diverse condizioni.

Vieni a trovarci da Zerolimits, potrai toccare con mano la qualità Kyklos

15Nov

C60 è un telaio unico che non può essere paragonato a nessun altro, realizzato a mano con cura artigianale in Italia.

Il telaio è in fibra di carbonio con congiunzioni e tubazioni a forma di stella, elemento di design collaudato e consolidato negli anni, a partire dal Master. Le sezioni dei tubi sono aumentate di volume, con pareti più sottili.

La stessa cosa riguarda le congiunzioni. Sono più grandi e più rigide, realizzate con la stessa venatura presente sulle tubazioni.

Sintetizzando: maggiore rigidità e resistenza alle flessioni. I forcellini posteriori sono stati completamente riprogettati per ridurre il peso e ottenere maggiore rigidità laterale.

Vasta la disponibilità di taglie: nove sloping e cinque orizzontali, più il su misura.

Vieni a scoprire le novità Colnago da Zerolimits: ti aspettiamo!!!!!